Newsletter subscribe

Salute

In cura con “cura”

Posted: 20/07/2011 alle 12:25 pm   /   by   /   comments (0)

“Vorrei che nessun ammalato restasse mai solo”. Sulla scia di questo ineludibile desiderio, l’Associazione Angela Serra Per la Ricerca sul Cancro (sez. di Salerno “Luana Basile”), da anni con i suoi progetti e iniziative, è impegnata nell’attività di prevenzione primaria delle malattie neoplastiche con la Campagna “E perché no?” per il tumore della mammella, del colon retto e della cervice uterina e con il progetto “Mangio Ergo Sum”

portato avanti nelle scuole medie di secondo grado per promuovere tra i ragazzi la culture del mangiar sano e della corretta attività fisica come strategia vincente per un benessere completo della persona. 

Offre sostegno psicologico ai malati oncologici attraverso il servizio di accoglienza presso la Breast Unit (percorso senologico) dell’Azienda Ospedaliera OO.RR. “S. Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona”.

L’Associazione, infatti, contestualmente all’apertura dell’Unità di senologia nel gennaio 2010, ha provveduto anche ad arredare con divani, sedute confortevoli, una piccola libreria, quadri, frigo ecc., la sala di accoglienza e la stanza dedicata ai colloqui con la psicologa, per  migliorare la qualità della vita delle pazienti. Oggi, nonostante si sia radicata in ambito medico la consapevolezza che l’essere umano è un insieme di sistemi – corpo fisico e psiche – strettamente correlati, continuiamo, purtroppo, ad assistere ad una disattenzione nel prendersi cura di tutti quegli aspetti psicologici a partire proprio dalla qualità dei servizi e delle stanze ospitanti i pazienti oncologici, spesso completamente prive di arredo.

Ecco perché è nata l’idea di creare nuovi ambienti con caratteristiche di familiarità, serenità e confort, abbandonando così l’immagine di luoghi asettici e poco accoglienti. Porre l’attenzione verso il paziente significa aprire una prospettiva di crescita post-traumatica e non di “semplice convivenza con la difficile situazione”, e l’attività della psicologa dell’Associazione, la dott.ssa Manfredi e il servizio di accoglienza delle volontarie sono orientate proprio verso questo obiettivo.

In quasi due anni, i compiti svolti dalle volontarie di “Angela Serra”, si sono ampliati e modificati. Oggi svolgono attività di segreteria, divulgano informazioni che facilitano l’accesso alle prestazioni e il ricovero, ricevono ogni tipo di richiesta e/o segnalazione sia direttamente sia attraverso il telefono, mettono a disposizione di pazienti e familiari libri, riviste, internet, caffè, tè, biscotti, tv, ecc. Accompagnano le pazienti nei reparti collegati al percorso senologico – radiologia, anatomia patologica,  medicina nucleare, medicina riabilitativa, oncologia, radioterapia –, evitando ulteriori preoccupazioni e stress che di solito subisce chi si ritrova solo e disorientato tra i vari reparti e ambulatori dell’Ospedale.

Le volontarie, e in particolare due collaboratrici dell’Associazione, Chiara Della Sala e Alessandra Vuolo, sono diventate un punto di riferimento per pazienti e familiari, con la consapevolezza che un incoraggiamento, una buona parola o un sorriso, in alcuni momenti può risultare una vera e propria manna.

I numerosi servizi – nell’ambito del servizio di accoglienza e supporto psicologico – forniti dall’Associazione Angela Serra rendono la Breast Unit una “piccola oasi” dove si cerca di favorire l’efficacia delle terapie “prendendosi cura” del paziente.

Il responsabile
Arturo Iannelli

Comments (0)

write a comment

Comment
Name E-mail Website