Newsletter subscribe
InformApp

Come la globalizzazione condiziona il nostro shopping

Pubblicato: 08/10/2017 alle 5:51 pm   /   InformApp, Rubriche

Ovunque hanno preso piede i negozi monomarca e i cosiddetti franchising. I dati ci dicono che nel 2014 erano 52.000 i punti vendita in Italia e 900 le aziende franchisor. Sia che si tratti di abbigliamento, profumeria, arredo o supermercati, in questi negozi la prima impressione è quella di trovarsi in un mare di offerte, […]

Nessun commento Continua...

La melodia del desiderio

Pubblicato: 09/01/2016 alle 11:41 am   /   InformApp

Solo delle note, poche note musicali. E ritorno bambino. Viaggiando sul filo di una memoria debole. Una teoria di volti, profumi, respiri. I divani sui quali ho dormito. Le spiagge della mia infanzia. L’odore dell’auto dei nostri viaggi. Mentre vado verso chissà quale meta, qualcosa mi trasporta nella macchina del tempo. Senza spazio, rinchiuso. Libero […]

Nessun commento Continua...

Niente di speciale

Pubblicato: 29/11/2014 alle 11:28 am   /   InformApp

Incontrare Giuseppe è esperienza di devastante normalità. Come guardare il cortile di casa tua e scoprire un mondo nuovo. È facile, basta guardarlo da una prospettiva nuova, dalla carrozzella di un disabile. Che poi disabile chi, disabile cosa. Alla fine della chiacchierata scopri che al termine non sapevi dare il giusto significato. Noi lo abbiamo […]

Nessun commento Continua...

Disabilità. Di chi?

Pubblicato: 22/11/2014 alle 6:52 pm   /   InformApp

Nel disegnare la mappa del tema dell’InformApp di questo numero, l’approccio sociologico è forse uno dei più calzanti per tratteggiare i contorni dei molteplici aspetti che vanno considerati e mi proverò a dimostrare una tesi su quello che, mi si passi il termine, è l’uso sociale della disabilità. Partiamo dal lessico. Alla parola “disabile” sull’enciclopedia […]

Nessun commento Continua...

Alterdiversità – Appunti socialmente scorretti sull’inabilità ed altre diversità

Pubblicato: 07/11/2014 alle 6:02 pm   /   InformApp

Menomato, invalido, inabile, disabile, in un crescendo ribaltante, più superficiale che ipocrita, fino al “diversamente abile”. Ma così fantomatica questa ritrovata straordinarietà che l’abile si trasforma presto in labile. Muto nome e rovescio il mio destino. Non così per il muto; se il cieco è non vedente, se il sordo è non udente, perché il […]

Nessun commento Continua...