Newsletter subscribe

Prevenzione

La cistite al femminile

Pubblicato: 25/12/2008 alle 10:11 am   /   da   /   commenti (0)

Frequente stimolo ad urinare, bruciori nel transito delle urine, brividi, sensazione di non aver svuotato completamente la vescica, a volte febbre e presenza di sangue nelle urine: ecco i sintomi della cistite, un’infezione della vescica molto comune e frequente nella popolazione soprattutto femminile.

Le cistiti, nella maggior parte dei casi, sono provocate da batteri tipici della flora intestinale come l’Escherichia Coli.

La conformazione anatomica femminile (uretra breve e vicina alla zona perianale) facilita il transito dei batteri intestinali verso la mucosa della vescica e l’errata igiene intima e le irritazioni locali possono contribuire all’infezione.

La diagnosi di cistite richiede l’analisi di un campione di urine raccolte in maniera sterile per identificare i batteri responsabili e determinare la loro sensibilità agli antibiotici ( urinocoltura con antibiogramma).

L’esame richiede pochi e semplici accorgimenti: le prime urine del mattino, scartato il primo getto, devono essere raccolte direttamente in un contenitore sterile; prima della raccolta detergere accuratamente le parti intime per evitare che batteri presenti sulla pelle e sulle mucose possano passare nel campione di urine e falsare il risultato dell’analisi.

L’esame delle urine richiede alcuni giorni, quindi il medico prescrive immediatamente un antibiotico, spesso associandolo a farmaci sintomatici antinfiammatori e spasmolitici, per attenuare i sintomi.

E’ importante non interrompere la cura antibiotica appena ci si sente meglio ma proseguirla per i tempi prescritti, evitando così lo sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici.

Poche e semplici regole di igiene e di buon senso possono aiutare a prevenire la cistite e a facilitarne la guarigione.

  • Bere molta acqua e quindi urinare molto è un modo per “lavare” la vescica, allontanando con le urine i germi patogeni prima che possano attecchire.
  • Non trattenersi dall’urinare quando se ne ha necessità, infatti le cistiti sono frequenti in chi ha problemi a svuotare completamente la vescica come nelle donne in gravidanza.
  • Evitare l’uso di indumenti intimi troppo aderenti, di tessuto sintetico e colorati che riducono la traspirazione creando un terreno adatto alla proliferazione dei batteri
  • Effettuare un’accurata igiene intima, usando detergenti neutri o leggermente acidi, non irritanti o profumati. Lavarsi ed asciugarsi solo con movimenti compiuti dall’avanti all’indietro per evitare la contaminazione dei genitali con germi provenienti dalla cute perianale.
  • Intensificare l’igiene durante il periodo mestruale; limitare l’uso degli assorbenti interni o cambiarli spesso evitando di usarli durante la notte.
  • Eliminare dalla dieta spezie, insaccati, cibi conservati, alcolici; evitare le bevande gasate che, riducendo l’acidità delle urine, favoriscono la crescita dei batteri. Uno dei prodotti attualmente più in uso è il cranberry (mirtillo rosso americano) ricco in vitamina C, che acidifica le urine, e in polifenoli che limitano la capacità dei batteri di attecchire alle pareti della vescica riducendo del 50% l’insorgenza di recidive.
  • Mantenere regolare l’intestino, serbatoio naturale dei batteri contaminanti, con un adeguato e costante esercizio fisico e con dieta equilibrata.

Dott. D. Opromolla – Urologo

Commenti (0)

Scrivi un commento

Commento
Nome Email Sito web

commenti ( 0 )