Newsletter subscribe
Sociale

Violenza invisibile

Pubblicato: 20/12/2019 alle 6:21 pm   /   Arte e cultura, Sociale

Violenza invisibile è un cortometraggio scritto e diretto dalla giornalista e regista Alessia Bottone, co-regia Michele Velludo, ispirato al romanzo “Eppure sono lieve”, di Bruna Colacicco, Manni editore, volto a favorire la sensibilizzazione in materia di violenza psicologica. Il cortometraggio, ambientato e prodotto a Verona, porta in scena le devastanti conseguenze della violenza psicologica oltre […]

Nessun commento Continua...

Fare del bene conviene

Pubblicato: 15/12/2019 alle 11:37 am   /   Sociale

C’è tanto bisogno di fare del bene, per essere migliori e più forti. Viviamo in un periodo in cui circolano troppe cose negative, dispregiative, falsità, insulti, disonestà, corruzione, evasione fiscale, mafie e voglia di avere al comando un uomo forte. Tutta questa decadenza civile, culturale, sociale e caduta dei valori umani, si può superare e […]

Nessun commento Continua...

Adolescenti in fumo

Pubblicato: 12/12/2019 alle 7:19 pm   /   Sociale, Studi e Ricerche

Quasi 1 milione e 100 mila studenti italiani 15-19enni hanno fumato nel 2018, secondo lo studio nazionale ESPAD®Italia condotto dall’Istituto di fisiologia clinica del Cnr. Il consumo inizia generalmente in età adolescenziale: quasi in 100 mila hanno provato il fumo prima dei 12 anni. Elemento positivo è la minor facilità dichiarata dai ragazzi nel reperire […]

Nessun commento Continua...

Hikikomori – Facciamo chiarezza

Pubblicato: 23/09/2019 alle 6:41 pm   /   Salute, Sociale

Un nuovo disagio che riguarda i giovani si affaccia oggi all’attenzione delle cronache: è quello dei giovani che si chiudono in casa e smettono di frequentare gli amici, la scuola, e vivono di notte occupandosi di videogiochi o attività solitarie. Sono gli hikikomori. “Hikikomori” è un termine giapponese che significa letteralmente “stare in disparte”. Viene usato […]

Nessun commento Continua...

Reale e virtuale

Pubblicato: 28/04/2018 alle 6:30 pm   /   Sociale

All’inizio degli anni ’80 il poter parlare con un radiotelefono era una prerogativa di pochi italiani, per lo più politici piuttosto che grandi imprenditori. Scatoloni enormi fungevano da base porta batteria e il classico filo nero a coda di maiale innestava cornette ugualmente nere e ingombranti da mostrare con scarsamente dissimulato orgoglio al tavolo dei […]

Nessun commento Continua...