Newsletter subscribe

Arte e cultura, Eventi, Salute, Sociale

Anoressia: il disperato appello di Isabelle Caro

Pubblicato: 03/01/2011 alle 7:44 pm   /   da   /   commenti (0)

Non ce l’ha fatta Isabelle Caro, la modella francese simbolo della lotta all’anoressia. E’ morta a novembre ma la notizia é stata diffusa solo pochi giorni fa, su molti quotidiani campeggiava l’immagine del suo corpo scarnito e sofferente immortalato da Oliviero Toscani per una campagna pubblicitaria in seguito censurata dall’authority perché giudicata troppo cruda.

Nata da una relazione clandestina, la sua infanzia era stata segnata da rimproveri ed incomprensioni da parte di una madre autoritaria, lei stessa era solita raccontare nelle interviste di come, dopo un rimprovero della stessa per il peso giudicato eccessivo, aveva smesso di mangiare. Era entrata in coma all’età di 24 anni con un peso di appena 25 kg per un altezza di 1.65 m e una volta dimessa dall’ospedale aveva deciso di uscirne e di fare in modo che la sua esperienza potesse essere d’aiuto a chi soffrisse degli stessi disturbi, raccontando la sua esperienza nel libro “La ragazza che non voleva crescere” in cui rivela la sua vita ed il suo rapporto con la malattia.

Isabelle aveva intuito la gravità del problema. Solo in Italia sono 250.000 le persone che soffrono di anoressia e l’età minima in cui può manifestarsi è scesa ai 7/8 anni, ed è considerata la prima causa di morte tra le ragazze sotto i 25 anni d’età (guarda video).



Si è spenta all’età di 28 anni Isabelle con la voglia di vivere e quella di far vivere, nelle sue ultime interviste ripeteva continuamente: “La gente deve sapere a cosa può portare l’anoressia, le sofferenze fisiche e psichiche che ho subito, avranno un senso solo se aiuteranno chi è caduto nella stessa trappola”.

Abbiamo raccolto noi l’appello di Isabelle e le daremo voce attraverso il meeting sui disturbi del comportamento alimentare organizzato per il giorno 27 gennaio alle ore 17:30 nel salone Bottiglieri del Palazzo della Provincia di Salerno.

MEETING

Siamo “fatti” di cibo.
Tutto il bene e tutto il male del nostro rapporto col cibo

Saluti istituzionali:

Sebastiano Odierna
Assessore alla sanità – Provincia di Salerno

Introduzione:

Walter Di Munzio
Direttore dipartimento salute mentale ASL ex SA1

Relatori:

Catello Parmentola
Psicoterapeuta

Mariarosaria Galdi
Nutrizionista

Giuseppe D’Aquino
Psichiatra, psicoterapeuta

Ferdinando Pellegrino
Psichiatra, psicoterapeuta

Modera:

Marilia Parente
Giornalista

Evento gratuito

Per informazioni e prenotazioni visitare la sezione eventi

Commenti (0)

Scrivi un commento

Commento
Nome Email Sito web

commenti ( 0 )